091/6111166     091/589245 cgilpalermo@cgilpalermo.it
Calcestruzzo

IL TRIBUNALE DICHIARA IL FALLIMENTO DELL’AZIENDA ACRI, DEL GRUPPO SOTTO SEQUESTRO VIRGA DI MARINEO. LA FILLEA CHIEDE TUTELE OCCUPAZIONALI PER I 16 DIPENDENTI

Palermo 3 maggio 2017 – Dichiarato il fallimento della Acri srl, azienda sequestrata nel luglio 2015, con provvedimento delle misure di prevenzione disposto per le aziende della famiglia  Virga di Marineo. Il provvedimento aveva colpito diverse altre attività e aziende del gruppo, in gran parte del settore dell’industria edile, un patrimonio finito sotto sequestro stimato in un miliardo e mezzo di euro.

L’azienda Acri, che operava nel campo del riciclo solidi urbani e nella produzione e vendita di bitume e calcestruzzo, è stata dichiarata fallita dal Tribunale di Termini Imerese a causa dell’elevata esposizione debitoria non soltanto nei confronti dell’erario, ma soprattutto nei confronti di fornitori e istituti di credito.

Impiegava 16 lavoratori. La Fillea Cgil Palermo chiede che vengano trovate misure di tutela occupazionale nei confronti dei dipendenti e che il processo di affitto dei rami d’azienda, annunciato dall’amministratore giudiziario Giuseppe Privitera nei mesi scorsi, che comprendeva l’attività di riciclo dei rifiuti, il centro di produzione di bitume, e la produzione di calcestruzzo, sia portato avanti. “Affittare le tre diverse attività è l’unico modo per garantire la continuità lavorativa dei lavoratori dell’Acri ma anche delle altre società che svolgevano attività complementari a quelle dell’azienda. Con l’affitto chiaramente devono transitare anche i lavoratori – dichiara il segretario della Fillea Cgil Palermo Francesco Piastra – Il fallimento giunge inaspettato, comunque, in quanto l’amministrazione giudiziaria aveva predisposto un piano liquidatorio e di continuità d’impresa tramite l’affitto, che avrebbe generato incassi per la società”.

Per l’azienda Acri è stato accertata dal Tribunale lo stato di insolvenza: dalla verifica contabile prodotta dall’amministrazione giudiziaria è stata contabilizzata una perdita complessiva di 248 mila euro. Nominato come curatore fallimentare l’avvocato Caterina Scaduti.

Questo pomeriggio, nello stabilimento di Marineo, si terrà una riunione con i lavoratori dell’azienda Acri e delle altre aziende del gruppo: oltre alla tutela occupazionale si discuterà del recupero dei crediti, tra cui 5 mensilità, che vantano i lavoratori. “Occorre – aggiunge Piastra – urgentemente recepire la legge ‘Io riattivo il lavoro’, per fare in modo che anche in questa situazione di difficoltà le aziende possano andare avanti”.