091/6111166     091/589245 cgilpalermo@cgilpalermo.it
Bijou Nzirirane E Enzo Campo

MALORE DURANTE L’AUDIZIONE: COMMISSIONE SOSPESA. IL GIOVANE UNIVERSITARIO MAROCCHINO DOPO LA CRISI IN AULA TORNA AL CPR. CGIL: “SUBITO CURE ADEGUATE”

Palermo 11 maggio 2017 – Il giovane universitario marocchino ha avuto ieri un malore durante l’audizione davanti alla Commissione territoriale per il riconoscimento della protezione internazionale di Caltanissetta, che avrebbe dovuto decidere del rilascio di un permesso di soggiorno per motivi di salute. E la seduta è stata sospesa. L’audizione proseguirà nelle prossime settimane. “La sua situazione poteva peggiorare e questa crisi lo dimostra – dichiara la responsabile dell’ufficio migranti della Cgil Palermo Bijou Nzirirane, che proprio ieri aveva lanciato l’allarme sulle precarie condizioni del ragazzo – Deve essere portato in un posto dove può essere curato. Spero che il prefetto e la commissione stessa prendano atto della situazione e adottino provvedimenti idonei a risolvere la situazione. S.M. È da 29 giorni trattenuto in una struttura non adeguata per le cure. Deve essere portato in una clinica, in un centro adatto per le cure psichiatriche”.

Ieri S.M. dopo il malore, assistito dal suo legale, è ritornato al Cpr (ex Cie) di Caltanissetta. “Il ragazzo, S.M., ha accusato un tremolio, delirava e manifestava chiari segni di scompenso psichico, evidenti agli occhi di tutti. Il malessere ha evidenziato che il giovane non è compensato, è in condizioni di vulnerabilità, e che la cura non è quella adeguata”, riferisce l’avvocato Ilenia Grottadaurea. “Abbiamo rappresentato il fatto che è importante che venga portato al più presto in una struttura idonea- aggiunge il legale – Il trasferimento in un’altra struttura è la cosa più urgente. L’ex Cie di Caltanissetta, il centro per il rimpatrio in cui si trova, non è adeguato per le sue condizioni di salute, che in questa situazione si stanno aggravando”.